Servizio Gestione Entrate – Ufficio IMU
Corso Italia 45 – Piano terra
17014 Cairo Montenotte (SV)
Orario: dal lunedì al sabato dalle 7.30 alle 13.00

Telefono: +39 01950707274
Posta elettronica: areaentrate@comunecairo.it

Modulistica IMU
[divider top=”0″ style=”solid”]

IMU ANNO 2018

L’imposta municipale propria (IMU) è la componente patrimoniale dell’Imposta Unica Comunale (IUC) come stabilito dal comma 639 della Legge 27 dicembre 2013 nr. 147.

ALTRI FABBRICATI – AREE FABBRICABILI

– Entro il 18 giugno 2018 deve essere versato l’acconto IMU per l’anno 2018, pari al 50% dell’imposta dovuta, calcolata sulla base dell’aliquota dei dodici mesi dell’anno precedente, fissata nella misura dell’ 1,02%.
– L’imposta che grava sui fabbricati e le aree fabbricabili è a carico: del proprietario o titolare del diritto di usufrutto, uso o abitazione, del superficiario, dell’enfiteuta, del locatario finanziario, del concessionario nel caso di concessione su aree demaniali. L’imposta è dovuta per l’anno solare proporzionalmente alla quota di possesso o di diritto. Per gli immobili sui quali sono costituiti diritti di godimento a tempo parziale (multiproprietà) il versamento è effettuato dall’amministratore del condominio o della comunione.
– Il versamento a saldo dell’IMU relativa all’anno d’imposta 2018, previsto per il 17 dicembre 2018, deve essere effettuato a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata, sulla base degli atti pubblicati nell’apposita sezione del sito web “Portale del Federalismo Fiscale” alla data del 28 ottobre 2018. In caso di mancata pubblicazione entro detto termine, si applicano gli atti adottati per l’anno precedente.
– L’imposta su tutti gli immobili è interamente versata al Comune, con la sola esclusione degli immobili censiti nel gruppo catastale “D” (immobili produttivi) per i quali la quota fissa dello 0,76% è riservata e versata a favore dello Stato, l’aumento dello 0,26% rispetto all’aliquota di base, è versata a favore del Comune.
– Si riportano i codici tributo da utilizzare nel modello di versamento F24:

ABITAZIONI PRINCIPALI classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9

– Per l’anno 2018, l’imposta dovuta per l’abitazione principale e per le relative pertinenze è dovuta esclusivamente per le categorie catastali A/1, A/8 e A/9 ed è versata in due rate: la prima a titolo di acconto (entro il 18 giugno 2018), è pari al 50% dell’imposta dovuta calcolata sulla base dell’aliquota dei dodici mesi dell’anno precedente, fissata nella misura dello 0,57% e la detrazione pari ad € 200,00.
– La rata a titolo di saldo, da versare entro il 17 dicembre 2018, deve essere effettuata a saldo dell’imposta dovuta per l’intero anno, con eventuale conguaglio sulla prima rata versata, sulla base degli atti pubblicati nel nell’apposita sezione del sito web “Portale del Federalismo Fiscale” alla data del 28 ottobre 2018. In caso di mancata pubblicazione entro detto termine, si applicano gli atti adottati per l’anno precedente.
– Si ricorda che la detrazione deve essere rapportata al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione. Se l’unità immobiliare è adibita ad abitazione principale da più soggetti passivi la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota di utilizzo dell’abitazione stessa.
– Si riporta il codice tributo da utilizzare nel modello di versamento F24:

Per la determinazione della base imponibile dei fabbricati iscritti in catasto, occorre rivalutare la rendita catastale del 5% ed applicare i moltiplicatori previsti dall’art. 13, comma 4, del D.L. n. 201/2011 e s.m.i.
Si precisa che per il comune di Cairo Montenotte, le seguenti fattispecie sono esenti dall’imposta municipale propria:
• Fabbricati rurali strumentali di cui al comma 8 dell’articolo 13 del D.L. 201/2011.
• Terreni agricoli (art. 1 del D.L. 4/2015).

MODALITA’ DI VERSAMENTO:

Il pagamento del tributo deve essere effettuato IN AUTOLIQUIDAZIONE mediante il modello F24 o F24 semplificato, utilizzando i codici tributo previsti con risoluzioni ministeriali n. 35E/2012 e n. 33E/2013 (Sezione E L – codice ente B369) oppure con apposito bollettino di conto corrente postale.
Non è dovuto il versamento se l’imposta dovuta per l’intero anno è inferiore a 5,00 euro.
Chi non è in possesso delle rendite dei propri immobili può effettuare la visura catastale on-line oppure recarsi presso l’Agenzia del Territorio di Savona, Via Alessandria 7B, dal lunedì al venerdì: ore 08.45 – 12.45.
I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione IMU entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello dalla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta, utilizzando il modello approvato con D.M. 31 ottobre 2012.
La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta. Con il citato decreto, sono altresì disciplinati i casi in cui deve essere presentata la dichiarazione. Restano ferme le disposizioni dell’articolo 37, comma 55, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, e dell’articolo 1, comma 104, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e le dichiarazioni presentate ai fini dell’imposta comunale sugli immobili, in quanto compatibili.

[divider top=”0″ style=”solid”]

Per maggiori informazioni:

[divider top=”0″ style=”solid”]
Pagina aggiornata il 27/04/2018