Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

VENERDI’ 10 GENNAIO 2020
Ore 21,00
ABBONAMENTO ORO
MISERIA E NOBILTA’
di Eduardo Scarpetta
Regia di Alfonso Rinaldi, con Margherita Fumero e la Compagnia
Produzione Compagnia Masaniello Teatro

Miseria e Nobiltà (1887), ben nota anche per la riduzione cinematografica diretta nel 1954 da Mario Mattioli e magistralmente interpretata da Totò e Sophia Loren, narra della povertà napoletana che s’ingegna per tirare a campare. Pasquale il salassatore (che in questa interpretazione chiameremo Felice Paglietta) vive, sotto lo stesso poverissimo tetto, insieme alla moglie Concetta e alla figlia Pupella, con Feliciello Sciosciammoccala convivente di questi Luisella e il piccolo Peppiniello. Stremati dalla più nera indigenza, su invito di Eugenio, un ricco rampollo della nobiltà partenopea, si prestano a inscenare un’improbabile finzione, interpretando i componenti della famiglia del giovane blasonato, nel comicissimo tentativo di convincere Ginota Peperone vedova di Gaetano Semolone, un ingenuo ex cuoco arricchitosi grazie ad una inaspettata eredità, ad acconsentire alle nozze con la figlia Gemma. Ad infittire l’intrigo, vi è anche la circostanza che la governante di casa Peperone è Bettina, madre di Peppiniello e moglie di Feliciello Sciosciammocca, con il quale è da tempo separata.
Miseria e Nobiltà è una commedia molto divertente, piena di verve e d’intrighi, che evoca appieno la tradizione dei canovacci della commedia dell’arte, con scambi di persone, travestimenti e la tipica arte napoletana di arrangiarsi.
Ci si trova a ridere, di quel riso amaro che fa da sfondo al tema della povertà e che giustifica ogni espediente: ci troveremo di fronte ad una “miseria vera e ad una falsa nobiltà”, come recita appunto una battuta della commedia.
Questo classico di Scarpetta, nell’adattamento del regista Alfonso Rinaldi, al pari di O’ scarfalietto, commedia anch’essa rappresentata dalla Compagnia Masaniello, rimane, fino al finale, un vortice inarrestabile di crescente e travolgente comicità, che risucchia il pubblico in una spirale di trovate alle quali diventa impossibile opporre resistenza.