L’ARPAL – l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure ha effettuato una valutazione preliminare dei dati di qualità dell’aria ambiente rilevati nelle postazioni del territorio comunale di Cairo Montenotte per l’anno 2013.

Lo studio preliminare riporta alcune tabelle di confronto tra i valori normativi e gli indicatori calcolati sulla base dei dati rilevati dalle centraline presenti sul territorio con riferimento agli inquinanti SO2 (diossido di zolfo), NO2 (diossido di azoto), PM10, PM2.5 (dove PM sta per Particulate Matter o Materia Particolata, cioè piccole particelle), BTEX (composti organici aromatici come il benzene e il toluene). Nelle stesse tabelle, inoltre, sono riportati gli indicatori riferiti agli anni precedenti (2011 e 2012).

Dalla relazione dell’ARPAL, pubblicata integralmente qui di seguito, emergono in particolare due criticità legate ai valori dell’inquinante [highlight bg=”#FED200″ color=”#ID2020″]Benzo(a)pirene[/highlight] e del [highlight bg=”#FED200″ color=”#ID2020″]diossido di azoto NO2[/highlight], che hanno superato il valore limite della media annuale previsto dal Decreto Legislativo nr.155/2010 e s.m.i.

[prettyfilelist type=”pdf,xls,doc,zip,ppt,img,mp3″ filestoshow=”17423,” thispostonlyfile=”true” filesPerPage=”3″]

[spacer size=”30″]

L’ARPAL – Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure e lepostazioni di monitoraggio
www.arpal.gov.it

La gestione delle postazioni di monitoraggio della qualità dell’aria nel Comune di Cairo Montenotte è affidata ad ARPAL, a seguito della stipula dei seguenti documenti:
– Convenzioni Arpal-Provincia di Savona n° 24751 del 07/04/2011 (protocollo Provincia Savona) e n° 63388 del 19/08/2013 (protocollo Provincia Savona);
– Protocollo operativo di attuazione della prescrizione di cui al punto 2.8.4 dell’allegato D del provvedimento di Autorizzazione Integrata Ambientale n. 236/2010 del 15 gennaio 2010 sottoscritto da Provincia di Savona, ARPAL, Comune di Cairo Montenotte e Italiana Coke in data 29/09/2010 e riapprovato da ARPAL con Decreto n. 271 del 26/06/2012.

Nel Comune di Cairo sono presenti tre siti di monitoraggio: Località Bivio Farina, in cui è presente una centralina della Provincia di Savona appartenente alla rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria; Località Mazzucca e Località Bragno, in cui è presente, per ciascun sito, una centralina appartenente ad Italiana Coke S.r.l.

In particolare, l’attività di monitoraggio della qualità dell’aria ambiente svolta da Arpal in prossimità del complesso IPPC Italiana Coke S r.I. riguarda:
– la gestione delle due centraline allestite da Italiana Coke S.r.l. e integrate nella rete provinciale di rilevamento della qualità dell’aria site in Località Mazzucca e Località Bragno;
– l’esecuzione delle analisi per il monitoraggio degli IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici) sulle polveri (PM10 e PM2.5), campionate nelle due postazioni fisse di rilevamento della qualità dell’aria.

Le stazioni di monitoraggio site nel Comune di Cairo Montenottecentraline

Approfondimenti

  • DECRETO LEGISLATIVO 13 agosto 2010, n. 155 “Attuazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualita’ dell’aria ambiente e per un’aria piu’ pulita in Europa”
  • DECRETO LEGISLATIVO 4 agosto 1999, n. 372 “Attuazione della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento”

www.normattiva.it

AIA – Autorizzazione Integrata Ambientale

L’autorizzazione integrata ambientale (AIA) é il provvedimento che autorizza l’esercizio di un impianto o di parte di esso a determinate condizioni, che devono garantire la conformità ai requisiti di cui alla parte seconda del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come modificato dal decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128, che costituisce l’attuale recepimento della direttiva comunitaria 2008/1/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 gennaio 2008 sulla prevenzione e la riduzione integrate dell’inquinamento (IPPC).
aia.minambiente.it